BVA Doxa e The Data Appeal Company del Gruppo Almawave insieme per un turismo più sostenibile | Almawave
x icon pop up SCOPRI DI PIÙ

Cerca sul sito

Non hai trovato quello che cercavi?

immagine DA Doxa loghi piccoli

10 giugno 2024

BVA Doxa e The Data Appeal Company del Gruppo Almawave insieme per un turismo più sostenibile

Milano e Firenze stanno vivendo un momento di grande fermento turistico, accompagnato da sfide importanti. In questo contesto BVA Doxa, istituto di ricerca leader in Italia, parte del gruppo internazionale The BVA family e The Data Appeal Company, società del Gruppo Almawave e specializzata in analytics basati su Big Data e Intelligenza Artificiale per il mondo del turismo, uniscono le forze e le relative expertise per analizzare e comprendere il fenomeno dell’overtourism, a partire dalle città di Milano e Firenze, utilizzando la miniera di dati che arriva dal web, dai social e dalle survey.

L’obiettivo della ricerca è quello di elaborare un white paper, accompagnato da un set di dati grezzi, che possa aiutare a guidare le amministrazioni e le municipalità nei piani su territorio e turismo.

Siamo entusiasti di collaborare con The Data Appeal Company per questo importante progetto“, ha dichiarato Simone Pizzoglio, Partner e Head of BU di BVA Doxa. “L’overtourism è una sfida complessa che richiede un approccio multidisciplinare. La combinazione di dati quantitativi e qualitativi, unita all’analisi di big data, ci permetterà di ottenere una comprensione profonda del fenomeno e di fornire raccomandazioni concrete per una gestione più sostenibile del turismo a Milano e Firenze“.

Siamo convinti che questa ricerca possa essere un prezioso strumento per le istituzioni locali e per tutti gli attori coinvolti nel settore turistico“, ha affermato Mirko Lalli, CEO di The Data Appeal Company. “L’obiettivo è quello di costruire un modello di turismo a misura di cittadino, che sia in grado di generare benefici economici per la città nel rispetto dell’ambiente e della comunità locale. Come sempre vogliamo aiutare, attraverso i dati e la comprensione dei fenomeni, a riequilibrare la qualità della vita del cittadino residente con la qualità dell’esperienza del cittadino temporaneo“.

Scarica il comunicato stampa arrow right